Cucina,

Melanzane a pullastiello

lunedì, settembre 05, 2016 Maxso 0 Commenti

Melanzane a pullastiello

Ingredienti:
- 1kg di melanzane viola(tipo lungo)
- 1kg di sale fino
- 500g di prosciutto cotto a fette
- 500g di provola affumicata
- basilico fresco a foglia larga q.b.
- 2l di olio di semi di arachidi
- 1l di olio extravergine di oliva
- 5 uova
- farina q.b.
- pepe nero q.b.

Ingredienti per guarnire:
- basilico a foglia larga q.b.
- pomodorini a grappolo q.b.

Preparazione:
Privare le melanzane della buccia, tagliarle a fette spesse mezzo centimetro nel verso la lunghezza(dovranno essere sempre di numero pari). Disporle in un colapasta, cospargerle di sale procedendo per strati quindi poggiarvi sopra un piatto con un peso di 1kg in modo da far spurgare l’acqua di vegetazione al loro interno(ci vorranno circa un paio d’ore). Trascorso questo tempo, lavare le melanzane sotto l’acqua corrente e strizzarle delicatamente.

Preparare dell’olio profondo utilizzando un litro di olio di semi di arachidi e mezzo litro di olio extravergine. Portarlo ad una temperatura di circa 170-180° C e successivamente friggere le melanzane(poche per volta) facendole dorare bene da ambo i lati. Ultimata la frittura, asciugarle con della carta paglia e metterle in un piatto disponendole in coppia(le fette dovranno essere più o meno della stessa dimensione). Mettere la provola tagliata a fettine e le fettine di prosciutto cotto sopra una fetta di melanzana e terminare con il basilico spezzettato a mano. Sovrapporre la restante fetta e pareggiare bene.

Passare il “panino” così ottenuto nella farina e poi nelle uova precedentemente sbattute con una grattata di pepe nero. Le melanzane sono pronte per essere nuovamente fritte nell’olio precedentemente utilizzato, aggiungendo però un altro litro di olio di semi ed un altro mezzo litro di olio extravergine portati ad una temperatura di 170° C. Quando saranno ben dorate e completamente avvolte nella “frittatina” che si crea all’esterno saranno pronte. Tamponare bene con della carta assorbente.

0 commenti: